Approfondimenti

Dossier Cinema - Un'avventura a Cinecittà
Dossier Fumetto - Nuvole di Fantasia
Le nostre proposte editoriali sono conformi alle indicazioni contenute nell'art. 5 della Legge n. 169 del 30 ottobre 2008 e nelle conseguenti Circolari ministeriali relative all'adozione dei libri di testo.

“Cittadinanza e Costituzione”

1.Ragioni e prospettive del rapporto fra scuola e Cittadinanza e Costituzione

1) L’educazione civica nei cambiamenti istituzionali avvenuti nel corso dell’ultimo cinquantennio

A) Il DPR 13.6.1958, n. 585 per la scuola secondaria di primo e secondo grado

Le origini istituzionali dell’educazione civica nella storia repubblicana si ritrovano, dieci anni dopo il varo della Costituzione, nel dpr 13 giugno 1958, n. 585, dal titolo “Programmi per l’insegnamento dell’educazione civica negli istituti e scuole di istruzione secondaria e artistica”. È questa l’espressione che resta più a lungo in vigore sul piano istituzionale e che più largamente viene utilizzata dall’opinione pubblica, anche in ambito internazionale.
In questo originario decreto si trovano con chiarezza tutti gli elementi che giustificano gli sforzi fatti, nel successivo mezzo secolo, per far crescere la “pianticella” dell’educazione civica e si intravedono anche le ragioni della sua debolezza.
Vi si dice, a proposito di questo insegnamento, che:
a) “con il primo termine, ‘educazione’, si immedesima con il fine della scuola e con il secondo, ‘civica’, si proietta verso la vita sociale, giuridica, politica, verso i principi che reggono la collettività e le forme nelle quali essa si concreta”;
b) “se pure è vero che l’educazione civica ha da essere presente in ogni insegnamento, l’opportunità evidente di una sintesi organica consiglia di dare ad essa un quadro didattico, e perciò di indicare orario e programmi e induce ad insegnare per questo specifico compito il docente di storia”;
c) occorre pensare all’utilizzo della “stessa organizzazione della vita scolastica come viva esperienza di rapporti sociali e pratico esercizio di diritti e di doveri”;
d) l’educazione civica “si giova di un costante riferimento alla Costituzione della Repubblica, che rappresenta il culmine della nostra attuale esperienza storica, nei cui principi fondamentali si esprimono i valori morali che integrano la trama spirituale della nostra civile convivenza”.
La gracilità di questo pur nobile impianto non stava nella visione culturale e politica o nelle motivazioni pedagogiche, che l’avevano ispirato e legittimato, ma:
- da un lato, nella complessità e nella delicatezza delle dimensioni sopra ricordate che, pur riferendosi a norme e principi condivisi e istituiti al più alto livello, quello costituzionale, sono per natura loro, se non condotti con autorevolezza e competenza, suscettibili di scadimento in improduttivi dibattiti, divergenze, conflitti, o, all’opposto, in discorsi astratti poco interessanti per i giovani;
- dall’altro nell’angustia dell’orario previsto in proposito per l’insegnante di storia, che doveva dedicare due sole ore mensili alla nuova disciplina annessa alla “disciplina madre”, senza che ciò implicasse, e con quei tempi era logico, un voto distinto per l’educazione civica.

B) Il DM 9.2.1979 per la scuola media e il DPR 12.2.1985, n. 104 per la scuola elementare

Nei programmi della scuola media del 1979 compaiono alcune novità interessanti. L’educazione civica, “quale specifica materia d’insegnamento, esplicitamente prevista dal piano di studi, ha come oggetto di apprendimento le regole fondamentali della convivenza civile, come risultati di un processo storico pervenuto a formulazioni giuridiche positive e come presupposto per ulteriori sviluppi. Il nucleo fondamentale di tali contenuti è dato dal testo della Costituzione italiana, legge fondamentale dello Stato e sintetica espressione della nostra civile convivenza, che abbisogna di tutte le forze per la sua completa attuazione. La comprensione della Costituzione, che gioverà anche a dare sistemazione, quasi secondo un indice ragionato, agli altri temi di educazione civica, avrà un momento più organico nella terza classe, in quanto lo consentono l’età e l’esperienza raggiunta dagli allievi”.
È su questa base che l’educazione civica viene intesa come “un grande campo di raccordo culturale, interdisciplinare, che ha anche suoi contenuti specifici…” La sua gestione veniva affidata al “consiglio di classe”, che doveva anche indicare, in sede di programmazione, “tempi specifici per lo svolgimento dell’attività programmata”. Tutte le discipline venivano intese come “articolazioni di una educazione unitaria”: così si parlava di educazione linguistica, storica, civica, matematica... “La scuola, si diceva, attua il suo impegno di educazione civica attraverso il contatto col mondo civile e la presa di coscienza dei valori sui quali si fonda la Costituzione, l’offerta di conoscenza di problemi e di metodologie per la valutazione critica dei fatti, nonché attraverso un concreto esercizio di vita democratica nella scuola”.
Nei programmi della scuola elementare del 1985 compariva, ai vertici degli obiettivi educativi, l’Educazione alla convivenza democratica, indicata come uno dei “principi e fini della scuola primaria”: essa “sollecita gli alunni a divenire consapevoli delle proprie idee e responsabili delle proprie azioni, alla luce di criteri di condotta chiari e coerenti, che attuino valori riconosciuti”.
Questi valori sono stati individuati nella Costituzione. Quanto allo spazio curricolare, questi programmi prevedevano, accanto alla storia e alla geografia, la materia “studi sociali”. Con essi la scuola doveva fornire “gli strumenti per un primo livello di conoscenza dell’organizzazione della nostra società nei suoi aspetti istituzionali e politici, con particolare riferimento alle origini storiche e ideali della Costituzione”.

C) La direttiva 8.2.1996 n. 58 e gli sviluppi successivi

Un passo avanti nell’elaborazione culturale e amministrativa, se non negli ordinamenti e nei programmi, si fece negli anni 1995 e 1996, nell’ambito di una commissione ministeriale suggerita dal CNPI, per ripensare e rilanciare la indebolita educazione civica. Di fronte al complicarsi e all’estendersi della problematica di tipo sociopolitico (dalla caduta del Muro di Berlino ai trattati di Maastricht e alla globalizzazione) e di tipo esistenziale (il disagio giovanile, fonte di demotivazione, devianza, droga, delinquenza, incidenti stradali e, all’opposto, volontà di protagonismo e di partecipazione giovanile), diversi ministeri, a partire da quello dell’Istruzione, furono tentati di affidare alla scuola, sulla base delle “emergenze” volta a volta percepite, ogni problematica che presentasse risvolti di tipo educativo.
Nell’ambito di quella commissione si fece chiaro che le “educazioni” ministeriali, già in qualche modo “governate” con i progetti Giovani e Ragazzi, potevano trovare proprio nella Costituzione una mappa concettuale, valoriale e giuridica essenziale e completa, utile a unificare la nuova problematica educativa e ad affrontarla non in termini giustappositivi, ma in termini integrativi.
La direttiva ministeriale n. 58, con l’allegato documento “Nuove dimensioni formative, educazione civica e cultura costituzionale”, annunciò un “curricolo continuo di educazione civica e cultura costituzionale”, che tuttavia non entrò in vigore.
Lo Statuto delle studentesse e degli studenti (dpr 24.6.1998, n.249), ha rappresentato una conquista “storica” per tutti coloro che da decenni si erano impegnati per l’attuazione dei diritti e dei doveri degli studenti nella comunità scolastica.
La scuola infatti vi è definita come “comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il ricupero delle posizioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia … e con i principi generali dell’ordinamento italiano”.

Alla base vi è, infatti, una concezione dell’educazione e della formazione culturale che privilegia l’esigenza di co-costruire, sviluppare, ri-calibrare in senso evolutivo la qualità dei percorsi di crescita degli studenti. Si tratta di una visione fortemente improntata alla promozione della persona; alla valorizzazione delle competenze di cui i ragazzi sono portatori; alla sperimentazione di percorsi di responsabilità partecipate; al supporto mirato alla gestione e al superamento degli ostacoli allo sviluppo.
Come ogni regolamentazione di natura democratica, lo Statuto delle studentesse e degli studenti è doverosamente attento anche alla definizione dei doveri che gli studenti sono tenuti ad osservare, relativamente allo studio, al rispetto per le persone e per le disposizioni organizzative, alla correttezza nei comportamenti e alla cura dell’ambiente scolastico, riconosciuto quale importante fattore di qualità della vita della scuola.
Purtroppo, in assenza di un aggancio forte a un insegnamento relativo all’impianto costituzionale, e alla convenzione internazionale sui diritti del minore (1989) anche questo Statuto non ha dato tutti i frutti sperati.

D) L’occasione della riforma costituzionale del Titolo V e i nuovi Statuti Regionali

Una vera novità per la tematica in questione nasce con la legge costituzionale 18.10.2001, n.3, dal titolo “Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione”. Alcuni orientamenti già presenti nelle loro linee essenziali nel testo del 1948, come ad esempio la distinzione tra Repubblica e Stato, e ancor di più la valorizzazione strategica del ruolo degli Enti locali e, in particolare, delle Regioni, vengono ampliati e definiti con più precisione, delineando un nuovo equilibrio istituzionale.
In particolare per quanto riguarda l’istruzione, allo Stato spettano le norme generali e alle Regioni viene riconosciuta potestà legislativa in riferimento “ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato” (art. 117). Di rilievo è anche la consacrazione formale del «principio di sussidiarietà» (art. 118), insieme al rilancio del ruolo delle autonomie: fra queste gli istituti scolastici, intesi come “formazioni sociali ove si svolge la (sua) personalità” di ogni uomo (art. 2), ottengono il riconoscimento dell’autonomia a livello costituzionale (art. 117).
Si tratta di attribuzioni di poteri e di responsabilità che vanno fatti vivere nella scuola, rendendoli il più possibile espliciti, in riferimento ai valori di cittadinanza che si possono vivere nel nuovo assetto costituzionale.

E) La legge delega 28.3.2003, n. 53 e il decreto legislativo 19.2.2004, n. 59

Un altro passo avanti sul piano della riflessione pedagogica e metodologica è stato fatto con legge 53/2003 (“Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale”). Essa, come è noto, ha indicato tra i fini delle scuole di ogni ordine e grado l’educazione ai principi fondamentali della convivenza civile.
Questa è stata poi, nei decreti applicativi, articolata in sei educazioni, raggruppabili in due assi: uno di tipo oggettivo-istituzionale (cittadinanza, sicurezza stradale, ambiente), uno di tipo soggettivo-esistenziale (salute, alimentazione, affettività).
Le caratteristiche di questa complessiva educazione alla convivenza civile dovevano essere, come è noto, due.
In base alla prima, essa doveva coinvolgere tutti i docenti e tutte le discipline in uno sforzo di coordinamento e d’integrazione, per l’intera durata del periodo scolastico caratterizzato dal diritto dovere all’istruzione e alla formazione (cioè di almeno 12 anni o, comunque, fino all’ottenimento di una qualifica professionale). In questo senso, come specificavano le Indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati, se erano indicati gli obiettivi specifici di apprendimento (conoscenze e abilità) sia per ciascuna delle diverse discipline presenti nei piani di studio (alla fine di ogni biennio scolastico) sia per l’educazione alla convivenza civile (alla fine della durata di ogni grado di scuola), ci si premurava anche di ribadire che i contenuti del doppio elenco, in realtà obbedivano, “al principio della sintesi e dell’ologramma”, rinviando ciascuno a tutti gli altri. Per questo, si invitavano i docenti a riflettere sul fatto che «un obiettivo specifico di apprendimento di una delle sei dimensioni della convivenza civile» era e doveva essere sempre «anche disciplinare e viceversa».
La seconda caratteristica dell’educazione alla convivenza civile era basata sulla consapevolezza che la originaria relazionalità umana e l’espressione morale e sociale di questa caratteristica antropologica sarebbero state l’ambito fondante lo statuale e il legale-normativo.

F) Il DM 31.7.2007

La difficoltà dell’impresa innovativa sopra ricordata ha indotto il nuovo Governo a lasciar cadere l’educazione alla convivenza civile, i cui concetti generali sono però stati ampiamente recuperati nelle Indicazioni per il curricolo per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo:
- sia nella premessa generale, “Cultura Scuola Persona”, che finalizza queste Indicazioni ad “una nuova cittadinanza”, per un “nuovo umanesimo”;
- sia nella premessa alle singole discipline e alle aree disciplinari, in cui si parla di cittadinanza attiva, di legalità, di etica della responsabilità e dei valori sanciti nella Costituzione, con la citazione di alcuni suoi articoli;
-sia infine nell’ambito dell’area storico-geografica, che ha “fra gli obiettivi centrali lo sviluppo delle competenze relative alla cittadinanza attiva” (comprensione del significato delle regole per la convivenza nella società e della necessità di rispettarle, conoscenza della Costituzione e dei diritti umani).

G) Il Ddl 1.8.2008 e il Decreto legge 1.9.2008 n. 137, convertito nella legge 30.10.2008, n. 169: continuità e novità

Il disegno di legge del 1.8.2008, approvato dal Consiglio dei Ministri, ha previsto l’istituzione per legge della “disciplina denominata Cittadinanza e Costituzione, individuata nelle aree storico-geografica e storico-sociale ed oggetto di specifica valutazione”, con una propria dotazione oraria di 33 ore annue e con voto distinto per tutti gli ordini e gradi di scuola.
La decisione, da parte del Governo, di percorrere la corsia preferenziale del decreto legge, per intervenire concretamente nella scuola già dall’anno scolastico 2008-2009, ha comportato per l’immediato la scelta di concentrare l’attenzione, da un lato sulla formazione dei docenti e dall’altro sulla sperimentazione di un insegnamento che avesse per oggetto “le conoscenze e delle competenze relative a ‘Cittadinanza e Costituzione’, nell’ambito delle aree storico-geografica e storico-sociale e del monte ore complessivo previsto per le stesse”.
Ecco perché la ripresa di un’iniziativa istituzionale in merito e il rilancio di prassi virtuose che sono già in atto, anche con i limiti istituzionali ricordati, non hanno né i caratteri della semplice ripetizione o riesumazione, né quelli della assoluta novità.
In particolare s’intende valorizzare l’impianto culturale abbozzato negli anni ’50, liberandolo dai limiti istituzionali che, con le sole due ore mensili, e senza un proprio voto, ne hanno ostacolato il cammino.
D’altra parte, le difficoltà incontrate nello scorso mezzo secolo nell’impegno a sviluppare l’educazione civica come compito comune a tutta la scuola e come disciplina autonoma non sono destinate a risolversi improvvisamente, ma neppure legittimano la rimozione del problema, che anzi riemerge a livello internazionale, in diversi paesi. Lo dimostrano la citata Raccomandazione europea e l’avvio del Progetto ICCS 2009 (International Civic and Citizenship Education Study), terza indagine internazionale sull'educazione civica e alla cittadinanza promossa dalla IEA (International Association for the Evaluation of Educational Achievement). Il progetto ICCS 2009, cui collabora per il nostro Paese l’INVALSI, si svolge contemporaneamente in 40 Paesi in tutto il mondo e si pone l'obiettivo di "identificare ed esaminare, all'interno di una dimensione comparativa i modi in cui i giovani vengono preparati per svolgere in modo attivo il proprio ruolo di cittadini in società democratiche".